“Esiste un mondo a venire?” di D. Danowski ed E. V. de Castro

Durante l’ultima edizione del Salone del Libro di Torino (sì, quella di Lagioia, e dell’orgoglio bogianen; l’ho raccontata qui ) vidi la copertina azzurra di questo saggio allo stand Nottetempo. Mi attirò il titolo, perché mi ricordò all’istante l’immenso romanzo di Ben Lerner Nel mondo a venire. Non mi tirai indietro.

Ho letto il testo. Anzi, per essere più precisi dovrei dire che l’ho divorato. Per me, che sono un biologo innamorato delle storie, questo testo è stato un piacere continuo e una gioia. Scienza, filosofia, critica letteraria e cinematografica: il tutto frullato ben bene per ottenere una panoramica sull’immaginario “della fine” che caratterizza i nostri tempi.

Ecco dunque la recensione che ho scritto di questo lavoro dei filosofi brasiliani Déborah Danowski ed Eduardo Viveiros de Castro, Esiste un mondo a venire? Saggio sulle paure della fine. Testo impeccabile per quanto riguarda la parte scientifica ed estremamente accattivante nel proporre un approccio multi-disciplinare. Insomma: un testo da leggere.

LEGGI LA RECENSIONE SU FLANERÌ

The Road (
Un frame tratto da The Road, di John Hillcoat (2009). La pellicola, tratta dal capolavoro omonimo di Cormac McCarthy, è spesso citata all’interno del libro di Danowski e de Castro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close